mercoledì 7 giugno 2017

RECENSIONE "La società segreta degli angeli" di KATIUSCIA OLIVA

Ciao readers, oggi Raffaella vi parla de La società segreta degli angeli, un fantasy romance delicato e dolce dalla penna soave e leggiadra di Katiuscia Oliva. La storia è incentrata su Natalie, una ragazza che lavora come cameriera in un bistrot di Parigi. Un giorno la sua vita viene stravolta da un incidente d'auto in cui viene coinvolta. Ma proprio quando Natalie sta per cedere, arriva un ragazzo misterioso di nome Lukas di una bellezza sconvolgente, avvolto da una luce abbagliante, quasi divina che la salva e le dona la forza di rimanere cosciente fino all'arrivo dei soccorsi. Nascerà tra loro un amore profondo ed intenso che li unirà in un legame immutabile e fedele. Ma chi è veramente Lukas?
Non perdetevi anche l'intervista all'autrice per conoscerla e apprezzarla meglio!

TITOLO: La società segreta degli angeli
SERIE: autoconclusivo
AUTORI: Katiuscia Oliva
DATA D’USCITA: 16 Marzo 2017
EDITORE: self publishing
GENERE: fantasy/rosa
NARRAZIONEpov femminile in prima persona
AMBIENTAZIONE: Parigi
CATEGORIA: seconde possibilità
FINALE: no cliffhanger
COPPIA: Natalie, cameriera in un bistrot di Parigi; Lukas, il salvatore di Natalie.



SINOSSI


Natalie è una ragazza qualunque. Lavora come cameriera in un bistrot di Parigi, vive in un piccolo appartamento affacciato sui tetti, ogni tanto esce con le amiche e ha molti sogni nel cassetto. La sua vita del tutto ordinaria è stravolta il giorno in cui una macchina la investe mentre sta attraversando la strada, scaraventandola sull’asfalto e lasciandola agonizzante sotto la pioggia. I suoi occhi si chiudono, tutto intorno a lei diviene buio. È una voce improvvisa e sconosciuta a riportarla indietro. Il ragazzo che la tiene fra le braccia al suo risveglio e che continua a sussurrarle di non addormentarsi la sconvolge non solo per la sua incredibile bellezza, ma soprattutto per l’aura di luce in cui è avvolto. Natalie capisce di aver vissuto un’esperienza sovrannaturale ed è convinta che sia stato un angelo a salvarla, sebbene nessuno voglia crederle. I giorni passano veloci, la sua vita riprende i ritmi di sempre con il ricordo di quell'essere meraviglioso ancora vivo in lei. Quando la speranza di poterlo rivedere pare ormai svanita lo incontra per caso in una trafficata via del centro. Negli animi di entrambi accade qualcosa. Si accende una luce, fiorisce un sentimento. Un amore speciale crescerà dentro di loro, legandoli indissolubilmente per l’eternità. Eppure, il ragazzo dai lineamenti angelici non sembra esattamente ciò che ha sempre creduto Natalie e la scoperta della sua vera natura non potrà che ribaltare di nuovo ogni sua convinzione...
Una storia toccante e dolcissima che vi catapulterà fra le stelle, verso mondi lontani e sconosciuti, in quell’angolo sperduto dell’universo dove l’amore trascende lo spazio, il tempo e ogni umana comprensione.

RECENSIONE

Nella nostra vita a volte avvengono eventi a cui è difficile dare una spiegazione razionale, è difficile collocarli. Sono eventi improbabili, unici e irripetibili, accadono con una probabilità minima e con tale probabilità stravolgono la vita.
Sono momenti d'impatto, momenti di elevata intensità che cambiano completamente la nostra vita e finiscono col definire chi siamo. Quando due stelle orbitano l'una vicina all'altra, può accadere che si avvicinano sempre di più ma non si sfiorano mai e quando per un mistero irrisolto dell'universo finalmente si scontrano, avviene un'esplosione di particelle, un violento istante di collisione che stravolge e trasforma tutto. Cosa può succedere quando due mondi si collidono?
Natalie è una ragazza comune, semplice e perfetta nelle sue imperfezioni. La sua vita sembra trascorrere in modo ordinario all'insegna della famiglia, delle amicizie e del lavoro. Lavora come cameriera in un bistrot di Parigi, città dell'amore e del romanticismo per antonomasia, dai mille profumi e dalla raffinata bellezza artistica. Tutto sembra stabile quando un evento imprevisto cambierà la vita per sempre. Un incidente, un impatto violento contro un auto la scaraventa sul suolo e la lascia agonizzante. Ma proprio quando Natalie sta per cedere, arriva un ragazzo misterioso di una bellezza sconvolgente avvolto da una luce abbagliante, quasi divina che la salva e le dona la forza di rimanere cosciente fino all'arrivo dei soccorsi. Natalie è sconvolta: nei giorni successivi pensa e ripensa a quel ragazzo come un angelo disceso dal cielo per salvarla dalla morte e per donarle altro tempo da vivere. I giorni trascorrono, divisa fra il lavoro e le amiche e il desiderio di rivedere quel ragazzo la tormenta.
E proprio quando meno se lo aspetta, quasi per volere divino incontra il ragazzo in un'affollata via di Parigi. 
Tra i due scatta così una scintilla: è un segno del destino il loro ritrovarsi. Col passare dei giorni fiorisce un sentimento dolce e autentico, lui diventa il battito del cuore di lei e lei diventa per lui il suo respiro. Lui la custodisce come un gioiello prezioso, la venera e la rispetta come un fiore appena sbocciato.
Un amore profondo ed intenso li unirà creando un legame immutabile e fedele. Lukas è sincero fin da subito con lei, ma gli eventi e gli impegni lo portano ad allontanarsi.
Natalie così scoprirà che in realtà è un ragazzo ben diverso da ciò che ha sempre creduto e da ciò che lui le ha fatto sempre credere. Così il loro amore subirà salite e discese, dolore e gioie e solo il tempo dirà che il loro è un amore eterno che trascende oltre il tempo, la distanza e l'umana comprensione.
Il loro amore è forza e vita, è conforto e comprensione. Non si misura con il tempo, né con la distanza, non si tratta solo di due corpi ma di battiti, emozioni e sensazioni.
La società segreta degli angeli è un fantasy romance romantico ed emozionante in cui l'amore è l'essenza della vita dei protagonisti. L'autrice ricalca i sentimenti e le emozioni, ci insegna che l'amore è un impulso irrefrenabile che sboccia inaspettatamente, che travolge e non ci lascia più fuggire.
Sono rimasta colpita dalla dolcezza con cui l'autrice affronta i loro momenti di tenerezza e di passione, non si sofferma sui loro amplessi, lasciando che il lettore immagini con la sua mente il sentimento che lega due anime innamorate ardentemente. Fin dall'inizio della storia sotto le righe si cela un alone di mistero che si protrae per l'intera storia e che poi viene risolto alla fine, risolvendo i dubbi del lettore.
Lo stile è semplice ed elegante esaltando i gesti di dolcezza, di profondo rispetto e di delicatezza di un uomo innamorato.
La scrittura di Katiuscia è delicata, soave e leggiadra, incanta ed esalta elogiando la bellezza dei sentimenti e delle emozioni. Non perdetevi l'intervista di seguito per conoscerla ed apprezzarla meglio proprio come l'ho conosciuta io!

Raffaella


INTERVISTA ALL'AUTRICE

1. Spiegaci in poche parole chi sei, cosa ami fare e qual è il ruolo della scrittura nella tua vita.

Sono una ragazza come tante, con mille sogni nel cassetto, una laurea in Lingue Straniere Moderne e una laurea mancata (purtroppo) in Astronomia. La scrittura è il perno attorno a cui ruota tutta la mia vita, considerato che sono anche giornalista.

2. Com’è nata l’idea per “La società segreta degli angeli”? Da quanto tempo desideravi scrivere questo romanzo? E come mai hai voluto incentrare la storia proprio sulla figura dell’”angelo”?

L’idea è nata per caso, come accade con tutti i miei libri. A volte mi sfiora un pensiero e da esso si origina una storia vera e propria, che poi sento il bisogno di mettere per iscritto. La figura dell’angelo ricopre un ruolo molto importante nella mia vita. È un argomento che cerco di non affrontare tanto spesso con le persone per paura del giudizio altrui, pertanto ti dirò solo che gli “angeli” esistono davvero e che è possibile entrare in contatto con alcuni di loro… 

3. Ci sono scrittori disciplinati, metodici, che stilano scalette e rileggono mille volte i loro scritti; altri autori, invece, che istintivamente buttano giù frasi su frasi fino a comporre un romanzo. Tu che tipo di scrittrice sei? Succede a volte che la fantasia ti porta a condurre la storia da una parte diversa da quella concordata e incontri nel corso della sua stesura delle discordanze di idee?

Credo di appartenere a una tipologia di autori tutta mia J Per me funziona così: immagino una storia, la suddivido in macrocategorie (solitamente: Prologo – Cuore Centrale – Epilogo) e solo quando ho bene in mente che cosa voglio far succedere inizio a scriverla. Finora non mi è mai capitato di scrivere qualcosa di diverso da ciò che avevo pensato, però succede spesso di avere due o tre finali tra cui scegliere e solo quando arrivo alle ultime battute prendo una decisione in merito.

4. In “La società degli angeli”, qual è stata la parte più difficile da scrivere e quale, invece, quella che hai esposto con più fervore?

La parte più difficile è stata proprio il finale. Sapevo di dover affrontare quella scena con molto “tatto” perché è qualcosa che nessuno si aspetta… Quella che ho scritto con più fervore non posso rivelarla, altrimenti sarebbe uno spoiler J Dico solo che si trova a circa tre quarti del libro e riguarda un momento decisivo nel rapporto tra Natalie e Lukas.

5. Spiegaci come hai creato i caratteri di Natalie e Lukas e se in qualche modo presentano qualcosa del tuo carattere.

Tutti i miei personaggi hanno qualcosa di me, ma sono anche l’esatto contrario. Nel caso specifico di questo romanzo Lukas rappresenta il mio ideale di uomo mentre Natalie mi somiglia per la sua capacità di mettere in discussione se stessa e le proprie convinzioni.

6. Cosa vorresti che il lettore riuscisse a comprendere leggendo il tuo libro? Quale significato non del tutto esplicito vorresti che si potesse cogliere?

“La Società segreta degli angeli” è anzitutto una storia d’amore e pertanto va letta come tale. Tuttavia un significato nascosto c’è. Vorrei che la gente imparasse a guardare anche con il cuore, non solo con gli occhi. La realtà che ci circonda ha diverse sfaccettature, non tutto è come sembra o come ci raccontano i libri che studiamo a scuola… 

7. Nel mondo del self publishing è abbastanza difficile emergere e farsi conoscere. Hai incontrato molte difficoltà?

Il mio primo romanzo “Tra il mare e il cielo” è stato pubblicato da un editore e ha avuto molto successo in libreria. Questo ha agevolato di molto le cose quando sono approdata al mondo del self-publishing; tanti miei lettori, infatti, mi hanno seguito sul web aspettando con ansia l’uscita dei miei nuovi romanzi, aiutandomi così a scalare le classifiche e a farmi conoscere a un pubblico più vasto. C’è però una cosa che voglio sottolineare e che mi disturba parecchio: se ci fosse più onestà da parte di certi autori disposti a tutto pur di emergere, le classifiche di vendita sarebbero completamente diverse…

8. Cosa è cambiato per te tra la pubblicazione del primo e dell’ultimo libro?

Mi conoscono più persone e le aspettative dei miei lettori sono aumentate di conseguenza. Cerco sempre di seguire i loro consigli e di raccontare qualcosa che possa piacere anche loro, ma prima di tutto voglio che la storia piaccia a me stessa. 

9. A quando il prossimo romanzo? Tratterai un genere diverso o ti focalizzerai ancora sul genere fantasy?

Non ho idea di quando uscirà il prossimo romanzo, spero comunque di non far aspettare troppo J Credo di aver chiuso con il genere Romantic Fantasy, pertanto i miei prossimi libri saranno solo ed esclusivamente “rosa”.

10. Per chi volesse pubblicare come te un romanzo, cosa consiglieresti?

Un bel romanzo non dev’essere scritto per forza utilizzando un linguaggio forbito che, il più delle volte, risulta macchinoso e rende la lettura poco piacevole. Spesso è proprio uno stile semplice e lineare a rendere grande una storia. Detto questo, non bisogna mai dimenticare di essere onesti con se stessi: se si hanno lacune linguistiche, se non si è capaci di coniugare i verbi o di usare in modo appropriato i congiuntivi è molto meglio lasciar perdere e dedicarsi ad altro. La semplicità premia, è vero, ma gli errori grammaticali o di sintassi non possono essere perdonati neppure a uno scrittore alle prime armi. Consiglio poi di non arrendersi, di rileggere tante volte il testo prima di pubblicarlo, ma soprattutto di essere originali. Non scrivete storie ispirate ad altre già viste e riviste, cercate invece di creare qualcosa di diverso e innovativo e sarete di sicuro premiati! 

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari