sabato 7 maggio 2016

RECENSIONE 'Uptown Girl' di Raffaella V Poggi

uptown-girl_7473_x10001
TRAMA:
Jackie è una ragazza dell’aristocrazia americana, disposta a tutto pur di salvare il padre e quel che resta del suo impero. Per questo non esita a prestarsi al gioco di un ricco e ambiguo finanziere, che vuole sperimentare molto in fatto di sesso. Jackie cede al suo ricatto e, pur non dimostrandoglielo, è incredibilmente eccitata dai loro incontri. E così si trasforma lentamente in una bambola nelle sue mani.
RECENSIONE:
Jackie è una ragazza in una marea di guai, debiti su debiti, un padre malato e sta per perdere tutto, l’unica soluzione che le viene in mente è chiedere aiuto a Walsh, un noto finanziere che il cambio del suo aiuto vuole Jackie, o meglio il suo corpo.
«E… che cosa potrei fare, io, per lei?», domandò Jackie, improvvisamente terrorizzata. «Vede», cominciò lui, per nulla imbarazzato, «queste pratiche sessuali tanto di moda – bondage, esclavage, BDSM… insomma, tutta quella roba lì – mi attirano molto: sono curioso. Ben inteso, sono solo alla fase documentale», disse, portando le mani avanti, come se stesse divulgando la sua nuova passione per il backgammon e cercasse di spiegarne le regole. 
Jackie si sottopone a tutto ciò che lui le chiede e piano piano lui risveglierà desideri e sentimenti che solo con Matt, il suo ragazzo ai tempi del liceo, le faceva sentire.
«Davvero lo faresti?», aveva strillato lei felice, poi, però, si era incupita. «No, Matt. Non puoi occuparti anche di un cane». «È vero che sono sempre in bolletta, piccola, ma sarò in grado di dare qualcosa da mangiare a un cucciolo», le aveva risposto lui, risentito. «Oh grazie, amore! È il più bel regalo che potessi farmi». Gli era saltata al collo e aveva baciato lui e il cane.
Durante la lettura vi accorgerete che forse Walsh vuole qualcosa in più del corpo di Jackie, ma lei se ne accorgerà?
«A Brittany lo hai messo, un bell’anello?», gli urlò, non appena riuscì a liberarsi dalla sua bocca con un morso. «Vallo a mettere a lei! Vallo a mettere a lei!», gridò, quando la rabbia le concesse nuovamente il dono della parola. Il tassista indiano non si era voltato ma, a tratti, osservava quella furia bionda dallo specchietto retrovisore. «Non ci pensi a Britt, ora? Non ci pensi?! Non ci pensi?!». Jackie continuava a gridare. «Fanculo Brittany! Fanculo il mondo, Jackie!», le urlò lui sulle labbra; le tenne ancor più stretto il viso tra mani e le riaffondò di nuovo la lingua in bocca, con gli occhi chiusi.
Forse chi si ama davvero si ritrova, anche dopo anni. Forse un cuore spezzato può aggiustarsi e, forse, l’amore può superare anche gli ostacoli che sembrano immensi.
All’inizio il libro può sembrare solo erotico, ma andando avanti con la lettura si aggiungeranno elementi che faranno delineare i protagonisti e il loro passato.
«Di chi sei tu?», le chiese lui sulle labbra. «Sono tua», rispose lei in un soffio. «Sì, sei mia. Mia! E non permetto a nessuno di toccare ciò che è mio. Non permetto a nessuno di portarmi via ciò che è mio, Jackie».
Consiglio questa lettura a chi ama l’erotico, ma anche l’amore.
VOTO: 3.5/5
Sabrina.

Nessun commento:

Posta un commento