martedì 5 luglio 2016

RECENSIONE "Fai il tuo gioco" di SAGARA LUX



SINOSSI

Benvenuti a Las Vegas, dove tutto sembra vero.

Corinne sta sorseggiando un drink nel lounge bar del Bellagio quando viene avvicinata da un uomo. Quella sera ha vinto molto al tavolo di Black Jack, e l’euforia e l’alcol la rendono audace. Si diverte a provocare gli uomini, ma Ryan non è come gli altri: prima che possa capire cosa stia accadendo, Corinne viene spinta in una stanza per un interrogatorio. Ryan Mill è un controller che lavora per il casinò. Corinne ha barato, deve restituire la vincita e andarsene. Ma Corinne è giovane e sfacciata, ha i capelli rosa, un corpo piccolo e sensuale e una carica erotica esplosiva: azzarda una controproposta, e Ryan non sa tirarsi indietro. Tra una canzone di Elvis e un gioco di prestigio, segreti per cui rischiare la morte e incontri bollenti, la vita di Corinne diverrà la posta in gioco di una pericolosa scommessa. Finché Ryan sarà costretto a smettere di bluffare e a scoprire tutte le sue carte.
Un romanzo appassionante e sfavillante come le mille luci di Las Vegas. Una scommessa sensuale in cui la posta in gioco è altissima: il cuore.

RECENSIONE

Buonasera lettori,
Oggi vi parlo dell'ultimo romanzo della mitica Sagara Lux : "Fai il tuo gioco", dove insieme passeggeremo per le strade illuminate  di Las Vegas, imbattendoci in una delle più grandi tentazioni di questa favolosa città: il gioco d'azzardo.
Protagonista per eccellenza è Corinne, ragazza dalla sensualità persuasiva, caratteristica utile nelle serate ai Casinò  e Ryan, un casinò controller molto onesto nel proprio  lavoro.




Durante una serata nel Casinò più lussuoso di Las Vegas, il Bellagio, e dopo una vincita non molto corretta di Corinne al Black Jack, quest'ultima viene avvicinata da un addetto ai controlli che la obbliga a seguirlo. Questo altro non è che Mr. Occhi neri, ossia Ryan Mill.
All’interno di una stanza per gli interrogatori, a nostra protagonista, pur di non perdere tutta la vincita accumulata nell'arco della serata, gli propone un accordo: tutti i soldi in cambio di qualsiasi cosa decida. 
Corinne sa che sono osservati durante l'interrogatorio e, nonostante Ryan  sia attratto da quella ragazza sensuale e particolare per i suoi capelli rosa e per la sua caparbietà, non è disposto a mettere a repentaglio la propria carriera per una donna come lei. Decide dunque di lasciarla libera di andare via rinunciando, però, al bottino vinto al Casinò.




La scelta presa da Ryan non era di certo quella che si aspettava Corinne che, adirata con il nostro protagonista, gli ruba il portafoglio iniziando a spendere soldi con la sua carta di credito in maniera tale da essere rintracciata.
Quando ciò accade, Ryan la raggiunge. Corinne come un ragno cerca di tessere la propria ragnatela intorno alla preda senza rendersi conto che i ruoli di preda e predatore si sarebbero invertiti ben presto.
Una sorta di confessione spingerà Ryan a prendere sotto la propria ala la ragazza dai capelli rosa che, a detta dell'uomo, otterrà soldi in cambio di informazioni sulle nuove tecniche utilizzate per barare al tavolo da gioco.

Inizierà così un gioco di seduzione fra i due protagonisti, così forte da divenire impossibile resistere. L'istinto animale presente in loro  prevaricherà sulla ragione inducendoli ad una notte di passione che sarà l'int di un cambiamento radicale  fra i due. 

Ma quando le cose inizieranno ad essere “giuste”  subentrerà quel passato che sette anni prima Ryan ha cercato di dimenticare, di non pensare. Un segreto che potrebbe cambiare le sorti dei due amanti o addirittura la vita che il ragazzo dagli occhi neri è riuscito a crearsi dopo numerosi sbagli. Una via per la redenzione c'è sempre? L'amore sarà abbastanza forte? Ryan sarà disposto a far entrare Corinne nella propria quotidianità? E Corinne sarà in grado di non bluffare sui sentimenti che prova per Ryan? Non vi resta che scoprirlo.



Mi rubò il respiro e mi divorò le labbra. Non aveva mezze misure. O dentro, o fuori. O sua o di nessun altro.





Ho letto tutti i romanzi di Sagara Lux e neanche questa volta si smentisce la sua bravura nel creare personaggi che ti coinvolgono senza “se” e senza “m”. Si viene colpiti dal coraggio di Corinne di affrontare tutto a testa alta e di rischiare sempre, ma soprattutto dalla battaglia interiore di Ryan che lo affligge per quella donna in quanto per lui resterà sempre un mistero.
Siete pronti a rischiare tutto? Buona lettura.


Voto 4/5
Maddalena


INTERVISTA ALL'AUTRICE


1. Per iniziare, raccontaci qualcosa di te. Qualcosa che vorresti che i lettori sapessero prima di entrare in contatto con il libro che hai scritto.

Ciao Maddalena, innanzitutto grazie a te alle altre ragazze di The reading’s love per avermi ospitato ancora una volta, adoro queste mini-interviste!
Ci sarebbero tante cose che mi piacerebbe dire, ma quando ho deciso di pubblicare i miei scritti mi sono fatta una promessa: mai parlare di me. Tra le righe c’è già moltissimo, di più sarebbe troppo.
E poi un po’ di alone di mistero non fa mai male, no? ;)


2. Come è nata l’idea per questo romanzo?

L’idea risale a qualche tempo fa e a una riflessione che stavo facendo tra me e me sul gioco d’azzardo.
Lo amo alla follia, ma non so limitarmi. Amo giocare, ma odio studiare le regole e così finisco sempre per perdere! Eppure so che ci sono tante persone capaci di giocare, di fare calcoli mentali, qualche volta anche di vincere usando metodi poco tradizionali…
Ecco, Corinne è nata così. Un personaggio fuori dalle righe per una storia ambientata in uno dei tanti luoghi che volevo visitare: Las Vegas.
Ryan invece è nato una sera di qualche mese fa, quando all’interno di Second Chances, il gruppo facebook che gestisco e che uso per postare idee, racconti, anteprime e letture, ho visto un’immagine di Weston Boucher.
È stato amore a prima vista, ispirazione a primo sguardo.


3. Nel libro i due protagonisti non si sarebbero mai aspettati di provare una pericolosa attrazione per l’altro, un fuoco che incendia le loro anime. Giocano con i sentimenti e non si rendono conto del legame che li unisce. Questa passione intensa e travolgente può definirsi “amore”?

Sono una che crede all’amore a prima vista, ma non credo che tra Ryan e Corinne sia sbocciato.
Sono due teste dure; due di quelle persone che prima di rendersi conto di essere innamorati devono sbatterci la testa più e più volte… C’è qualcosa di indefinito che li unisce, e che fa da base a un amore che sono certa sapranno costruire giorno dopo giorno.
Diciamo che quello che nasce come desiderio bruciante e come affinità carnale successivamente si è trasformato in qualcosa di molto più grande.


4. Quale è stata la parte del romanzo più difficile da scrivere e perché?

Senza alcun dubbio il finale.
Sono un’autrice che ama complicarsi la vita, mettere in scena tanti intrighi e personaggi.
Il rosa puro mi annoia, ma sul breve è stato molto difficile gestire le idee che avevo in mente. A ogni rilettura cambiavo qualcosa. Se rileggessi ora Fai il tuo gioco cambierei di nuovo alcune parti… Non ho mai pace!


5. Per la stesura del romanzo ti sei ispirata a qualche film, qualche altro romanzo o tutto frutto della tua fantasia?

Io amo i film che parlano di gioco d’azzardo o simili, però non posso dire di avere preso spunto da nessuno di loro (anche perché ce ne sono pochissimi). Sinceramente non ho mai letto romanzi che trattassero di gioco d’azzardo, anche se ho visto un bel documentario sui tornei di poker a Las Vegas che mi è tornato molto utile!
Se comunque dovessi consigliare un film a chi ha letto e apprezzato il mio libro, potrei citare “Runner Runner” o “21”, grazie al quale ho sentito parlare per la prima volta della tecnica con cui si “contano” le carte al Black Jack.


6. Che genere definiresti il tuo romanzo e perché?


Uno dei miei tratti distintivi è che tutto quello che scrivo non è catalogabile in un genere soltanto. La parte rosa è portante, la parte erotica è presente, però c’è anche una parte suspense che sento molto mia.

7. Cosa ti ha spinto a scegliere il titolo “Fai il tuo gioco” per il tuo romanzo?


Volevo qualcosa che rimandasse immediatamente a quello che era il tema portante, ovvero l’azzardo. Dopo avere scartato una dozzina di titoli banali come “scommessa pericolosa” o affini sono arrivata alla parola gioco e mi sono venuti in mente i croupier che dicono “Fate il vostro gioco” prima di servire una mano.
Da lì a inserire una scena cruciale nel romanzo dove Corinne pronuncia questa stessa frase il passo è stato breve.


8. Hai intenzione di tradurre il romanzo per pubblicarlo in altri Paesi?


Quando ho accettato di pubblicare con casa editrice è come se avessi permesso a mio figlio di uscire di casa. Non spetta a me questa decisione. In tutta onestà non credo che questi romanzi brevi verranno pubblicati in cartaceo o in lingua straniera, anche se è un po’ un peccato!

9. A quando il prossimo romanzo? Tratterai un genere diverso o ti focalizzerai ancora su questo?


In questo momento sono alle prese con una serie dark-suspense a cui tengo moltissimo: la Broken Souls. Di carne e di piombo è stato il mio romanzo d’esordio. Dopo di lui è toccato a Inganno e Riscatto, ma manca ancora Vendetta e forse un ultimo romanzo a sorpresa…
Questa estate sarà cruciale, avrò molto da scrivere!


10. Come e quando ti sei resa conto di essere uno scrittore?


Più o meno mai, a essere sinceri non credo di esserlo nemmeno ora…
Mi piace scrivere, quando qualcuno mi dice che mi ha letto e che gli sono piaciuta impazzisco letteralmente di gioia, ma non voglio che scrivere diventi per me un mestiere a tempo pieno, ho bisogno che resti sempre il mio angolo di libertà.


11. Ci sono scrittori disciplinati, metodici, che stilano scalette e rileggono mille volte i loro scritti; e autori che istintivamente buttano giù frasi su frasi fino a comporre un romanzo. Tu che tipo di scrittore sei?

Io sono una via di mezzo. In fase di prima stesura mi lascio guidare dall’istinto. Di solito ho un’idea di base della trama, ma le scene si susseguono man mano e molto spesso possono cambiare diverse cose rispetto al progetto.
Una volta termina la prima stesura passo tutto alla ragazza che mi segue da tanti anni e che mi fa da beta. Qui inizia la parte difficile, perché editare un testo, valutarne la struttura e la correttezza non è semplice. Per fortuna, come dico sempre io, non sono sola :)
Infine rileggo ancora tutto, lascio sedimentare per qualche tempo, e rileggo dall’inizio.
Mi piace fare del mio meglio!

1 commento:

  1. Grazie infinite ragazze!!!
    E' sempre un piacere essere vostra ospite e vedere questo blog diventare un posto sempre più vivo e accogliente, continuate così ;)

    RispondiElimina