martedì 2 maggio 2017

RECENSIONE IN ANTEPRIMA "Alice, non è il Paese delle meraviglie" di GIUDITTA ROSS

Ciao readers, oggi Raffaella vi parla in anteprima dell'uscita fantasy di oggi della Triskell Edizioni intitolata Alice, non è il Paese delle meraviglie, il primo capitolo della serie autoconclusiva Gli eredi della foglia di Giuditta Ross. La protagonista Alice è una vampira che non conosce il suo passato e che improvvisamente si trova a provare emozioni del tutto nuove con l'oscuro ed enigmatico vampiro Alistair. Chi è veramente Alice? Perché la ritengono importante per la sorte di un intero popolo? Sarà coraggiosa per affrontare tutto ciò che la sua vita le pone davanti?


TITOLO: Alice, non è il paese delle meraviglie
SERIE: #1 Gli eredi della foglia, autoconclusivo
AUTORE: Giuditta Ross
DATA D’USCITA: 2 Maggio 2017
EDITORE: Triskell Edizioni
GENERE: fantasy contemporaneo
NARRAZIONE: narratore in terza persona
AMBIENTAZIONE: ambientazione fantastica
CATEGORIA: mistero
FINALE: no cliffhanger
COPPIA: Alistair, antico vampiro; Alice, vampira alla ricerca del suo passato.





SINOSSI

Alistair St. Clare è una creatura potente. Un raro vampiro. Cammina sul mondo da secoli e conosce molto bene se stesso e il suo posto nel variegato substrato di esseri non umani che popolano la terra, perennemente in conflitto gli uni con gli altri. Da sempre si destreggia sul filo del rasoio di delicati equilibri di potere. Sa bene che lasciarsi ammaliare da due begli occhi dorati potrebbe costargli tutto ma, improvvisamente, il ferreo pragmatismo di una vita svanisce sostituito da un bisogno selvaggio e folgorante.

Alice non è che una semplice piccola vampira in un mondo di lupi mannari. O almeno così pensa. Non sa nulla di sé, solo quello che il vecchio Noan le ha detto da quando si è svegliata, senza un briciolo di memoria per quello che era. La sua vita si trascina sospesa tra il lavoro al pub, la stramba amica ‘Dhu e un ragazzo carino che le lascia affondare le zanne in lui di tanto in tanto. Questo finché il suo passato non torna prepotentemente a reclamarla.

Alice scoprirà che non c’è nulla di semplice nella sua vita da vampira, che l’uomo dei suoi sogni è un tipo da incubo che non si fermerà davanti a nulla pur di tenerla al sicuro.

RECENSIONE

Conoscete tutti la favola di Alice nel Paese delle meraviglie e tutte le sue avventure. Abbiamo amato quel suo carattere dolce e curioso sempre pronto a difendere i suoi amici o a salvare qualcuno. Alice è sempre stata la mia eroina preferita, piccina ma con un grande cuore da custodire.
Con Alice, non è il Paese delle meraviglie l'autrice ha trasmutato adattandola alla sua fantasia e all'idea di storia che voleva creare.
Siamo in un'ambientazione totalmente fantastica in cui esiste ogni forma di essere fantastico, ogni sorta di creatura che abbiamo incontrato nelle favole. Alice è una vampira, una di quelle rare creature esistenti al mondo. Ed è quello di cui è sempre stata convinta e in cui ha sempre creduto. Lavora come cameriera in un pub di proprietà di Noan, un uomo anziano che l'ha accolta anni indietro nella sua casa e che l'ha cresciuta come una figlia. Alice fin dal suo ritrovamento non ricorda nulla del suo passato, non ricorda chi era, né il suo ruolo sulla Terra. E' come se i suoi ricordi fossero stati cancellati o rimossi dalla sua mente a causa di un trauma subìto. Lei non si dà mai pace, vuole conoscere a tutti i costi la verità, vuole capire chi era per rimettere ordine alla mente.
La sua vita procede tranquilla all'insegna del lavoro, dei momenti trascorsi con la sua strampalata amica 'Dhu e con il suo amico che di tanto in tanto le permette di affondare i canini nel suo collo. Ma improvvisamente quando la sua vita diventa via via sempre più regolare, piomba una presenza oscura ed affascinante di nome Alistair.
Alistair è un antico vampiro che vagabonda sulla Terra da secoli: conosce il bene e il male, la lotte fra le razze, umane e non, il potere incessante che ognuna di loro cerca di ottenere.
E' un vampiro saggio che conosce i rischi e le insidie in cui si può incorrere, non ha mai protetto o salvato nessuno finché due occhi color ambra non lo attraggono e lo rendono schiavo di lei, mettendo in discussione ogni cosa. La bella dolce Alice è una creatura affascinante in ogni movenza, semplice e delicata in ogni suo gesto, è sfrontata e ribelle come i suoi riccioli mori. Alistair è completamente folgorato dalla sua bellezza, lei è tutto ciò che un uomo come lui può desiderare.
Quando finalmente Alastair si farà avanti dichiarando la sua attrazione per lei, Alice proverà un'ondata di desiderio e di pulsazioni mai provate prima: è come se lei e Alistair fossero legati da un legame invisibile e indissolubile che non potrà mai separarli. Alistair l'ha sempre protetta da lontano in tutti questi anni senza che Alice se ne rendesse conto, l'ha difesa dalle insidie e dalla crudeltà del mondo. Ma la strana comparsa di altre creature e la scoperta di nuove rivelazioni sul suo passato metteranno in discussione la sua vita e tutto ciò che ha costruito fino ad ora.
Chi è veramente Alice? Perché la ritengono importante per la sorte di un intero popolo? Sarà coraggiosa per affrontare tutto ciò che la sua vita le pone davanti?
Il romanzo si rivela interessante e ben strutturato.
Attraverso pov diversi alternati capiamo progressivamente l'intera vicenda e la storia di Alice.
Si riscontrano molti colpi di scena e altre rivelazioni del tutto inaspettate che rendono il tutto ancora più intrigante. L'autrice attraverso questa tecnica riesce ad incastrare con abilità ogni tassello, a celare quello che serve e a mostrarci altro. I protagonisti Alice e Alistair diversi nelle loro azioni si rivelano in realtà molto simili: coraggiosi e intraprendenti mettono a rischio le loro vite per qualcuno. Alistair diffida e dubita di tutti, vuole proteggerla a tutti i costi, anche rischiando la propria vita, lei è l'unica per cui farebbe tutto ciò in suo possesso per averla al suo fianco; Alice invece è benevola, quando vuole affrontare qualcosa mette tutta se stessa nell'atto, si fida troppo spesso del proprio istinto e a volte sbaglia. Insieme però si completano, imparano ad amare l'altro e a sentire e vivere il legame che li unisce.
Alistair mette in dubbio ogni regola che si è posto durante i secoli vissuti e con Alice le infrange tutte. Lei è la sua metà perfetta, la sua complementarietà e lui è l'emozione e il sentimento che non ha mai provato. L'amore è tutto ciò di cui hanno bisogno, la nuova meta da vivere ogni giorno e da raggiungere. La lettura è molto scorrevole e piacevole, lo stile è semplice e diretto. Attendo il secondo capitolo che vedrà protagonisti un'altra coppia.

Raffaella



Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari