sabato 27 maggio 2017

RECENSIONE "Seduttore dalla nascita" di SUSAN ELIZABETH PHILLIPS


Buongiorno, oggi Sabrina vi parla di Seduttore dalla nascita, il settimo volume della serie Chicago Stars edito Leggereditore, che ha fatto battere molti cuori tra le fan di Susan Elisabeth Phillips. Come sempre l'autrice ci stupirà con la sua bravura e i suoi personaggi favolosi. Purtroppo la cover e il titolo non rendono giustizia ma ci pensa Susan a rendersi giustizia con il contenuto del suo libro. Blue vi investirà con la sua vita travagliata e Dean vi sedurrà.

TITOLO: Seduttore dalla nascita
TITOLO ORIGINALE: Natural born charmed
SERIE: autoconclusivo
AUTORI: Susan Elizabeth Phillips
DATA D’USCITA: 28 Agosto 2014
EDITORE: Leggereditore
GENERE: rosa contemporaneo
NARRAZIONE: pov maschile e femminile alternati in prima persona
AMBIENTAZIONE: Colorado (Stati Uniti)
CATEGORIA: seconde possibilità
FINALE: no cliffhanger
COPPIA: Dean, giocatore professionista di football; Blue, pittrice vagabonda.



SINOSSI

Blue e Dean: possono esistere due persone più diverse? Maldestra, malvestita e cinica lei; impeccabile nei modi e nell'aspetto lui. Pittrice svagata e nomade lei; atleta scattante che ha trovato una famiglia nella squadra lui. Eppure, il giorno in cui Dean raccatta Blue per la strada, quello che sta facendo salire a bordo è il suo destino. Una fattoria da rimodernare nel Tennessee, due genitori in cerca di stabilità, una bimba e una cagnolina "abbandonate", una vecchia signora burbera e tanta, tanta musica, e il gioco è fatto. Come sempre, Susan Elizabeth Phillips ci dona un romanzo pieno di amore e risate.

RECENSIONE

Dean Robillard è il giocatore di football più conosciuto degli Stati Uniti. Ricco, bello, bravo nel suo lavoro, le donne non aspettano altro che incontrarlo per strada e gettarsi ai suoi piedi. Purtroppo per Dean non va tutto a gonfie vele.
Ha subìto un intervento alla spalla ed è in convalescenza.
A bordo della sua Aston Martin Vanquish sta percorrendo le strade di Denver quando incontra un castoro. Un castoro femmina, senza testa, che cammina infuriata verso il paese più vicino. Dean non può non aiutare quella ragazza che già gli ha riportato un sorriso nel suo momento di noia.
La castorina che sbatte i piedi arrabbiata è Blue Bailey, una ragazza appena arrivata in città che fa volantinaggio travestita da castoro per guadagnare qualcosa.
Blue è arrivata in città per stare con quel ragazzo che aveva conosciuto su internet due settimane prima e ora quello stesso ragazzo le ha rubato i soldi e se n'è andato con un'altra.
Blue è completamente sola, sua madre fin da piccola l'ha lasciata a degli amici per combattere guerre e aiutare i più sfortunati.
Dean e Blue sono un'accoppiata esilarante.
Il quarterback è ironico, solare, vivace. Al contrario Blue è più riservata e cinica. Dean si porta dietro questa ragazza nel suo viaggio, non sa nemmeno lui il motivo, le interessa ma non è proprio il suo tipo. Blue al contrario, pensa solo ad avere un tetto e del cibo finché non avrà recuperato i soldi per ricominciare a farcela da sola. Come sempre la Philips non delude, un libro ironico e romantico. Ho riso, ho amato i personaggi, odiato degli altri, ma tanto alla fine la Philips crea sempre un quadro perfetto, dove non è mai ciò che sembra. Il primo incontro tra i due è stato esilarante, una castorina arrabbiata sul ciglio della strada: l'autrice riesce a trarre l'ironia anche da una situazione tragica.
Dean e Blue sono attratti uno dall' altra ma Blue è convinta che quando Dean avrà avuto ciò che vorrà, non la porterà più con se. Incontreranno anche la madre di Dean, un ex drogata non in buoni rapporti con il figlio. Ora vuole provare a riallacciare i rapporti con il figlio e Dean all'inizio non ne è per niente felice. Blue diventerà la sua finta fidanzata per tenere lontano eventuali pretendenti e la madre.
La Philips in ogni suo libro trova sempre il modo di portare tutti i nodi al pettine, presenti e passati, e di fare un filo conduttore che lascia il lettore attaccato alle pagine del libro. Si alternano scene hot con momenti dolci, bellissimi. Non solo per Dean ci saranno delle questioni in sospeso.
Quando leggo un libro di questa autrice so che non ne rimarrò delusa. Il suo stile è semplice, le descrizioni non mancano a darci un input per immaginare le vicende e i suoi personaggi sono sempre magnifici. Delinea i loro pensieri e fa in modo che il lettore sia sempre cosciente delle emozioni dei protagonisti. La Philips non dimentica mai nemmeno i personaggi secondari, regalando capitoli anche per loro e spiegando perché sono ciò che sono, arrivando a far amare anche loro.
Per chi conosce questa autrice sa bene di cosa è capace.
L'unica cosa che non mi è piaciuta è stata la cover e il titolo: ho letto il libro perché conosco l'autrice, ma dalla cover e dal titolo non l'avrei mai aperto.

Sabrina

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari