sabato 3 giugno 2017

RECENSIONE "D'ark: Il gioco dell'alfiere" di CRISTINA SILVESTRI, MIRELA MINKOVA GEORGIEVA

Ciao readers, oggi Angela vi parla di D'Ark: Il gioco dell'alfiere, primo volume di una trilogia thriller dalle penne esordienti di Cristina Silvestri e Mirela Minkova Georgieva.
In una lotta tra il bene e il male, nella città di Rocha, i due fratelli Giorgia e Michele vivono diverse situazioni in prima persona. Giorgia è una giovane profiler che sta cercando d’imparare al meglio il suo lavoro investigando su un noto criminale, mentre Michele è un giornalista che combatte l’ingiustizia attraverso i suoi articoli ed è un fiero sostenitore del vigilante mascherato di nome D’ark. Un thriller con un tocco di fantasy che vi catturerà dalle prime pagine!

TITOLO: D'Ark: Il gioco dell'alfiere
SERIE: si serie
AUTORI: Cristina Silvestri, Mirela Minkova Georgieva
DATA D’USCITA: 5 Dicembre 2016
EDITORE: self publishing
GENERE: thriller
NARRAZIONE: narratore esterno in terza persona
AMBIENTAZIONE: Rocha (città inventata)
CATEGORIA: noir
FINALE: si cliffhanger
COPPIA: Giorgia, profiler; Michele, giornalista.




SINOSSI

La città di Rocha è costantemente minacciata dalla malavita e dalla corruzione e il pericolo è sempre dietro l’angolo.
Sembra non esserci più onestà in un mondo pieno di corruzione ma questa volta, come baluardo della giustizia sorge un vigilante,
D’Ark, che cerca di aiutare la città a rialzarsi da questo baratro d’illegalità. La storia segue parallelamente la vita di due fratelli: Giorgia e Michele Mestri.
Giorgia, una ragazza forte e determinata che ama il suo nuovo lavoro, parteciperà alla ricerca di un noto serial killer di nome Guignol che trascina dietro di sé le sue povere anime in una lotta senza fine. La squadra dei profiler, insieme alle forze dell’ordine, si batterà con grande dedizione per la sicurezza e per la sopravvivenza dei cittadini. Mentre suo fratello Michele, il giornalista, seguirà il caso del vigilante occupandosi di scrivere la verità su chi sia questa famosa celebrità. Aiutati dal loro intuito e dalla loro forza di volontà, entrambi si renderanno conto di quanto la realtà che li circonda sia più complicata di quanto appaia. Esiste davvero questo eroe oppure è una mera invenzione di una società senza giustizieri? Riuscirà Rocha a distinguere il bene dal male? Ciò che è reale da ciò che non lo è?

RECENSIONE


Il bene è il male. Quante volte abbiamo sentito di queste due parole dette insieme che si contrappongono?

Proprio come l’amore e l’odio, c’è un filo sottile che separa le due cose; tu puoi scegliere se stare dalla parte del bene e far regnare la pace oppure da quella del male e far regnare il caos.


Ci troviamo nella città di Rocha, dove la lotta tra il bene e il male c’è sempre stata, ma nell’ultimo periodo il male sembra che stia sovrastando sul bene: un noto criminale che si fa chiamare Guignol è tornato a far parlare di sé e dei suoi crimini, uccidendo varie persone e lasciando poi una traccia con un biglietto e una citazione.



“Era più di un semplice lavoro:

era la vocazione su cui si basava la sua intera vita.”


La giovane Giorgia Mestri è una dei profiler che sta investigando sul caso del tanto acclamato criminale, cercando anche di ottenere il lavoro di detective insieme al suo collega Marco, e sostituire in futuro il professor Iaco, l’attuale detective della città, il quale fa anche da professore ai suoi due giovani colleghi insegnando loro i trucchi del mestiere. 
Giò è sempre stata una bella ragazza, dal carattere estroverso, forte e armata di grande curiosità, tanto che da piccola preferiva giocare ai pirati, cowboy e indiani o a guardie e ladri, andando contro il volere della madre, la quale pensava che quei giochi non fossero adatti a una bambina.
Giò crescendo ha sviluppato questa voglia di indagare sulle cose per poter trovare la soluzione giusta, tanto che una volta cresciuta, decide di diventare una profiler.
Guignol però è un osso duro, appena i tre profiler credono di aver trovato la pista giusta su cui indagare il noto criminale, però, riesce a sfuggire con studiata maestria.
Sull’altra faccia della stessa medaglia, sembra che un vigilante mascherato stia cercando di combattere il male.
Di lui o loro, nessuno sa niente, ma Michele Mestri, fratello di Giorgia Mestri e giornalista di mestiere, segue con molta attenzione le opere del vigilante al quale ha dato il nome di D’Ark. 
Mike è un uomo che crede nella giustizia e cerca di combattere il male e la disonestà scrivendo sempre la verità nei suoi articoli, anche a costo della sua carriera. Per questo motivo ha anche creato un blog dove espone i fatti che accadono in città.
Questo fa in modo che a Gabriel Hunter, uno dei due candidati al ruolo di prefetto torni utile la popolarità sul web di Mike: in questo modo potrà conquistare i voti dei cittadini se il giornalista scrive di lui.
Gabriel è un imprenditore molto noto, soprattutto tra le donne, ma da quando ha deciso di intraprendere il ruolo in politica si è anche fidanzato con Titania, migliore amica di Giorgia. 
Ormai però il male regna in qualsiasi sistema nella città di Rocha e combatterlo sarà difficile, ma alla fine tutte le carte verranno scoperte e ci sarà un clamoroso scacco matto.
Il libro mi ha incuriosita sia per la trama che per la cover: entrambe hanno qualcosa che cattura. La storia mi ha un po’ ricordato i supereroi dei fumetti di cui sono stati fatti vari film e serie tv, ma comunque è un libro scritto bene e ricco di suspense che mi ha tenuta incollata allo schermo.
Il romanzo è suddiviso in due parti: nella prima parte si parla di Giorgia Mestri, mentre nella seconda del fratello Michele Mestri. Avrei evitato questa suddivisione perché in entrambe le parti si parla anche di personaggi secondari che nella storia esercitano ruoli importanti. Avrei fatto una parte unica visto che i personaggi in qualche modo sono tutti collegati, poi sta al lettore capire la storia, stando attento ai piccoli dettagli che nei romanzi thriller bisogna sempre far attenzione.
Riusciranno i due fratelli e i loro colleghi a liberare la città? Riusciremo a scoprire chi è D’ark e chi è Guignol? Basta aspettare i successivi volumi di questa storia misteriosa e intrigante!

Angela

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari