giovedì 23 gennaio 2020

RECENSIONE "The Ghost Bride. La sposa fantasma" di Yangsze Choo

Buon pomeriggio lettori, Raffaella ci parla di The Ghost Bride. La sposa fantasma, il romanzo paranormale di Yangsze Choo uscito oggi con HarperCollins. Lasciatevi trasportare e affascinare dal folklore e dalla mitologia cinese, dai rituali alle superstizioni, dal mondo ultraterreno alle creature leggendarie, in un racconto misterioso, intrigante, romantico e pieno di suspense. E non perdetevi la serie tv Netflix uscita oggi ispirata al romanzo!



TITOLO: The Ghost Bride. La sposa fantasma
TITOLO ORIGINALE: The Ghost Bride
SERIE: autoconclusivo
AUTORE: Yangsze Choo
DATA D’USCITA: 23 Gennaio 2020
EDITORE: HarperCollins
GENERE: fantasy, paranormale
AMBIENTAZIONE: Malesia ottocentesca
FINALE: no cliffhanger
PROTAGONISTA: Li Lan, sposa fantasma.






TRAMA

Una sera mio padre mi chiese se volessi diventare una sposa fantasma…
Malesia, 1893. È una serata afosa e la giovane Li Lan siede nello studio del padre nel tentativo di rallegrarlo. Spirali di fumo si innalzano lente dalla pipa da oppio dell'uomo che, seduto nella sua poltrona di vimini, si lascia andare al vizio che li ha condannati alla bancarotta. I Pan erano una famiglia benestante della ricca città portuale di Malacca, ma da quando il vaiolo si è portato via la madre e ha lasciato sfigurato il padre, Li Lan sa di avere poche prospettive per il futuro. Improvvisamente suo padre, risvegliatosi dal torpore, le fa una strana richiesta. La ricca e potente casata Lim l'ha scelta come sposa per il loro primogenito, Lim Tian Ching, morto in circostanze misteriose. Si tratterebbe dunque di un “matrimonio fantasma”, di quelli che si celebravano quando una famiglia desiderava placare uno spirito inquieto. L'unione potrebbe garantire una casa e una posizione di privilegio a Li Lan per il resto della vita, ma il prezzo da pagare sarebbe terribile. Lei sa che da questa scelta dipende il futuro della sua famiglia, eppure nel profondo del cuore sente che non deve accettare. Dopo una semplice visita di cortesia nella nobile dimora dei Lim, Li Lan comincia a essere perseguitata nel sonno dallo spirito del promesso sposo. Notte dopo notte viene trascinata contro la sua volontà nel paese delle ombre, un mondo parallelo fatto di città fantasma e demoni assetati di vendetta, schiacciato da una mostruosa e ineluttabile burocrazia. È qui che il ricco e borioso Lim Tian Ching la aspetta e non intende lasciarla andare. Eppure è solo qui che Li Lan può liberarsi dal maleficio: deve scoprire i segreti più oscuri della famiglia Lim, ma anche di suo padre. E deve farlo in fretta, prima di rimanere intrappolata nell’Oltretomba per sempre…

Ghost Bride è un debutto incredibile che ha stregato pubblico e critica, diventando un bestseller del New York Times. Premiato dai librai indipendenti come libro dell'anno, è stato tradotto in oltre quindici paesi e ha ispirato l'omonima serie originale Netflix. Una storia piena di mistero e magia, che conduce il lettore in un mondo leggendario e indimenticabile.


RECENSIONE

The Ghost Bride è un fantasy paranormale che ci riporta indietro nel tempo, nell'Ottocento, in Malesia, durante il dominio britannico, dove veniamo avvolti dalla tradizione orientale, dalle credenze e dalle numerose culture che formano la società della vibrante città portuale di Malacca.
L’ambientazione è vivida e le descrizioni dell’atmosfera sono a dir poco spettacolari, soprattutto quella riguardante il mondo dei defunti, dell’aldilà cinese e dei matrimoni tra vivi e morti che sicuramente portano a riflettere il lettore grazie anche alla scrittura poetica e affascinante dell’autrice. La protagonista è Li Lan, una ragazza cinese innocente e indifesa che, dopo la morte della madre per circostante misteriose e del padre per la dipendenza da oppio, viene scelta per sposare Lim Tiam Ching, figlio di una famiglia benestante. C’è solo un piccolo problema: lui è morto e il loro sarà un matrimonio fantasma. Mentre Lim Tian si impone nei suoi sogni e la perseguita ogni notte, viene approfondito il mistero intorno alla sua morte e la ragazza si innamora e prova attrazione per qualcuno che non potrebbe avere: l’erede, il cugino del defunto, Tian Bai. Molto intriganti gli incubi di Lin Lan e il modo in cui lentamente offuscano la sua vita tanto da sembrare reali e da farli immaginare al lettore, grazie anche ai minuziosi dettagli della scrittura dell’autrice. Il lettore si ritrova a sentire il terrore di Lin Lan, intrappolato insieme a lei in un viaggio nell'aldilà spaventoso e oscuro e a rabbrividire di fronte all'oscurità e all'aggressività del defunto. Il tempo per la protagonista sta per scadere mentre cerca disperatamente di scoprire i segreti oscuri e di combattere per tornare nella terra dei vivi.
L’autrice Yangsze Choo ha una scrittura scorrevole e limpida, spiega delicatamente ogni aspetto della superstizione, delle leggende, delle classi sociali e delle credenze tradizionali della Malesia di inizio secolo ai lettori occidentali che non hanno familiarità con l’Oriente e quando la narrazione si sposta in un luogo estraneo a tutti ovvero quello dell’aldilà ci regala delle descrizioni suggestive che fanno venire i brividi e che ci attraggono all'interno. Il mondo reale e spettrale si fondono e si intrecciano, i misteri si infittiscono. Sicuramente troverete difficoltà a capire perché come vi ho detto realtà e sogno di fondono e la narrazione vi sembrerà lenta perché probabilmente non avete familiarità con la prosa orientale. Lasciatevi trasportare e affascinare dal folklore e dalla mitologia cinese, dai rituali alle superstizioni, dal mondo ultraterreno alle creature leggendarie, in un racconto misterioso, intrigante, romantico e pieno di suspense. E non perdetevi la serie tv Netflix uscita oggi ispirata al romanzo!

Raffaella








Nessun commento:

Posta un commento