sabato 7 maggio 2016

RECENSIONE 'Un'incantevole tentazione' di Natasha Boyd




TITOLO: Un’incantevole tentazione
SERIE: Eversea #1
AUTRICE: Natasha Boyd
GENERE: contemporary romance
Eversea Series
1. Un incantevole tentazione – 13 maggio 2015
2. Un messaggio per te – 16 Marzo 2015
2.5. 
Mistletoe & Hollywood (racconto)



TRAMA
È orario di chiusura nel ristorante in cui lavora Keri Ann, ma un giovane dai modi spicci, con la felpa calata sugli occhi, tarda ad andarsene. Convinta che si tratti dell’ennesimo sbandato, Keri non potrebbe essere più sorpresa quando scopre che sotto quel cappuccio si cela il bellissimo attore Jack Eversea, con i suoi riccioli scuri e il fisico da urlo. Ma cosa ci fa una star di Hollywood nello sperduto paesino costiero di Butler Cove? Tradito dalla fidanzata nel modo più subdolo, Jack ha bisogno di isolarsi dal mondo: è finito troppe volte in copertina per i motivi sbagliati. E quella ragazza acqua e sapone, così distante dalle attrici che Jack di solito frequenta, sembra proprio la persona giusta per aiutarlo. Abituata a cavarsela da sola e a non pensare all’amore, Keri si lascia convincere suo malgrado a stringere un patto dagli esiti imprevedibili: soprattutto quando l’attrazione tra lei e Jack diventa irresistibile. Il passato però torna sempre a bussare alla porta, spezzando bruscamente quel sogno d’amore. Ma si può vivere nel presente dimenticando da dove si viene? Oppure il passato torna sempre a bussare rischiando di spazzar via anche il sogno più bello?
RECENSIONE
Il romanzo “Un’incantevole tentazione” di Natasha Boyd è stato pubblicato nel 2015 dalla casa editrice Newton Compton.
2

La protagonista Keri Ann durante la chiusura del bar in cui lavora a Butler Cove, si imbatte in uno strano incontro: Jack Eversea. Jack è un bellissimo attore dal fisico da urlo che si ritrova per caso a Butler Cove per fuggire dalla sua quotidianità e da tutti i suoi problemi legati alla sua celebrità.
Jack è stato sempre perseguito dalle notizie in copertina sui giornali ed è per questo che decide di KTwe1H6dedicarsi a se stesso e di trascorrere delle settimane in tranquillità lontano dai riflettori.
Jack incrocia Keri Ann e la aiuta nella ristrutturazione della sua casa.
Keri Ann è una donna indipendente, lavora per pagare gli studi al fratello Joey e per mantenere la casa; da piccola ha perso i suoi genitori e qualche anno più tardi anche la sua amata nonna che le ha insegnati buoni espedienti della vita. È una donna che ha avuto la fortuna di avere accanto Jess, l’amica che la aiuta sempre in ogni difficoltà, che le consiglia ciò che ritieni giusto, è per lei la sorella che non ha mai avuto. Keri Ann non desidera in alcun modo aver un uomo al suo fianco perché al momento non ne ha bisogno, non ha bisogno di una distrazione, vuole soltanto lavorare per andarsene via da Butler Cove per inseguire la sua strada e dedicarsi alle sue passioni.
G7nIHG7

Jack è un uomo semplice e misterioso che non ama essere sotto i riflettori, è distaccato perché sa di avere un contratto ben preciso con la casa cinematografica per cui lavora, nasconde un segreto del suo passato che gli tormenta l’anima e che lo divora giorno dopo giorno. Riuscirà ad essere sincero con Keri Ann e a rivelarle questo segreto cosi oscuro? Non vi resta che leggere il libro😀
VOTO 4.5/5

RAFFAELLA


Scena tagliata da
“Un’incantevole tentazione” di Natasha Boyd
Uscita al bar con gli amici

Seduto tempo dopo al Velvet Margarita, in un angolo buio con Nick e Devon, mi chiedo se dovrei semplicemente lasciare uscire tutto fuori dal mio petto dolorante.
“Allora.” Devon inizia a parlare sopra la musica ad alto volume. “Stai diventando sempre più tatuato, sei ubriaco fradicio, stai evitando la tua ragazza che è incinta del tuo bambino,devo aspettarmi qualche porta che sbatte e un alzata di occhi?”
“Lascia perdere, Devon,” Gli grugnisco. So di aver agito in maniera infantile e lunatica in questi ultimi mesi.
Gira la sua bionda testa da surfista e guarda Nick. “Vedi, si comporta esattamente come un adolescente. Classico. Non siamo troppo vecchi per questo? Parla semplicemente, ” dice, guardando verso di me. “Cosa diavolo ti  è successo a Butler Cove? Pensavo di esserti d’aiuto consentendoti di rimanere a casa, non di farti peggiorare.”
“Piacerebbe saperlo anche a me”, aggiunge Nick, prendendo un lungo sorso dalla sua bottiglia di birra. Sembra un po ‘ Joel Madden con quel cappello in testa.
Guardo verso il mio ghiaccio che sbatte nel bicchiere. Potrei aver bisogno di un altra Bushmills per affrontare tutto questo, ma il bar è sempre più affollato, non rimarremo anonimi ancora per molto tempo. «Niente», riesco a dire. Dio, ma mi sento come se la testa fosse sul punto di esplodere, e come se il mio petto fosse stretto in una morsa. Tiro un sospiro, passando le dita tra i capelli e afferrando il bicchiere come se potesse farmi uscire da tutto questo. “Fanculo.”
Nick mi sta ancora guardando cercando di capire qualcosa. “Una follia più discreta” mormora, poi si appoggia allo schienale della sedia come se fosse appena sceso da una scala reale.
Sì. Ha ragione. E ‘quasi un sollievo sentirlo dire. Ma la follia dentro di me è molto più potente che discreta. E per la sua inutilità. Non riuscirà mai ad uscire.
“Che cosa vuol dire?” Indaga Devon, mentre il peso della mia consapevolezza mi induce a piegarmi in avanti sui gomiti e lasciar cadere la testa verso il basso.
Nick gli risponde. “E ‘Shakespeare. Significa- “
“So cosa diavolo significa”. Sbuffa Devon. “Solo non capisco-oh. .” si gira a controllare sopra entrambe le spalle, poi si china verso di me, tirando la mia  sedia più vicina. “Che diavolo è successo?” chiede, a voce bassa. Quando non gli rispondo, guarda Nick in cerca di una risposta, ma Nick mi sta guardando.
Cerco di dire loro qualcosa.
“Sai chi è André Gide ?” Forse una citazione può spiegarlo meglio. Mi sentivo instabile prima di Butler Cove, le buffonate di Audrey mi avevano dato una buona ragione per andare via. Potrei cominciare da lì
“Ci siamo,” mormora Nick.
“No,” dice Devon, nello stesso momento. “Aspetta, qualche vecchio scrittore francese che ama Monica . E da qui andiamo verso dove? “
Guardo Nick di traverso.
Lui alza le spalle e sorride compiaciuto. “Diventa tutto profondo e cazzate così. Quando comincia a citare Gide, è uno spettacolo maledettamente pietoso. “
Sbatto il bicchiere sul tavolo, non tanto forte da romperlo, ma abbastanza per esprimere la mia irritazione. “Sei stato tu il coglione a tirare in mezzo Shakespeare, Nick”.
“Potete smetterla di parlare per enigmi e di letteratura e arrivare al punto?”
Mi stringo nelle spalle e chiudo gli occhi per un momento. “E ‘solo … pensavo di stare bene. Ma io … io continuo a vedere il suo volto. “
“Di chi?” interviene Devon.
Nick alza gli occhi al cielo con una smorfia. “Continua, amico. “
“La ragazza di Butler Cove?” cerca di indovinar Devon. “Ma ci sei stato per pochissimo tempo.” Posso vederlo mentre cerca di capire come dieci giorni abbiano potuto cambiare tutta la mia vita.
Non lo so nemmeno io.
Tutto quello che so è che ci si sentiva bene a riuscire a gestire finalmente tutto quello che avevo covato dentro di me, mentre sorridevo verso l’ infinito dopo aver superato ore e giorni insulsi.
Penso a quante volte il mio pollice sia stato sul punto di comporre il suo numero sul mio telefono, tentato di premere la cornetta in basso. Ho anche chiamato il suo amico, Vern, una volta. Mi ha aiutato a sbarazzarmi delle prove e del video del mio sfogo violento a Savannah. Vern non ha detto granchè , tranne che lei stava bene. Se solo potessi sentirmi  ‘bene’ anche io. Cosa significa ‘bene’ , comunque?
Così comincio a parlare. “Continuo a chiedermi perché l’ho fatto. Lei non se lo meritava. Dio, era solo che mi sentivo diverso con lei. Voglio dire, mi sentivo davvero me stesso per la prima volta da  sempre. Avrei dovuto sapere che era troppo bello per durare. E Cristo.” sussulto. “E ‘solo … Perché dovevo prendere qualcuno così perfetto e dolce, pura e mandare tutto a puttane? Rovinare lei? ” Mi prendo i capelli con entrambe le mani, chinandomi sui gomiti di nuovo. Sento la mia faccia contrarsi mentre riconosco il senso di colpa schiacciante che mi stringe il petto.
Devon mi posa una mano sulla spalla. “Non dico di non capire , ma vai spesso con le fan, o per lo meno, lo facevi”.
“Sta zitto, okay?” urlo, togliendo la sua mano dalla spalla. Poi noto gli occhi spalancati di Devon. “Mi dispiace, Dev. Mi sento in trappola. Sono in trappola. ” Risi  cupamente. “E non è una fan. Fidati di me. ” lentamente scuoto la testa. “Almeno, anche se lo era, adesso non lo è più.”
Devon e Nick finalmente stanno zitti. Ognuno di loro probabilmente sta pensando di me in vari modi che non mi hanno mai visto così. Sono così stanco di fingere di essere qualcuno che non sono.

Nessun commento:

Posta un commento