mercoledì 18 gennaio 2017

RECENSIONE IN ANTEPRIMA "Giochi pericolosi" di GIULIA ROSS

Buon giorno readers, oggi Raffaella vi parla in anteprima di Giochi pericolosi, una breve novella scritta dall'autrice Giulia Ross in uscita oggi con la Newton Compton.
Come vi sentireste a vivere un gioco di ruoli in un luogo da favola senza inibizioni e con il solo scopo di trarne appagamento fisico? Come può una donna come Annalisa, abituata ad esercitare il controllo, riuscire a cedere al piacere più estremo e a lasciarsi trasportare dalle sensazioni più recondite? Senza alcun dubbio però, se ci fosse l'uomo dei suoi sogni, potrebbe cambiare idea...


TITOLO: Giochi pericolosi
AUTRICE: Giulia Ross
DATA D’USCITA: 18 Gennaio 2017
EDITORE: Newton Compton
GENERE: erotico
NARRAZIONE: pov femminile in prima persona
CATEGORIA: BDSM
FINALE: si cliffhanger
COPPIA: Annalisa, donna che desidera perdere il controllo e che si affida ai giochi di ruolo; Heatan, role player maschile e uomo dei sogni di Annalisa.



SINOSSI

Annalisa Verri si trova in uno degli studi della Role-Playing Games, un’azienda specializzata nella realizzazione di giochi di ruolo. La sua missione è raccogliere tutti i dati possibili riguardo alle segrete fantasie dei propri clienti, per poi realizzarle nel mondo reale, ricreando ambienti e ruoli il più dettagliatamente possibile. Annalisa desidera perdere un po' del suo autocontrollo. Vorrebbe una fuga da tutte le responsabilità ed essere controllata da qualcun altro. Amanda, una delle assistenti Role, diventa la sua game master e le promette di esaudire i suoi sogni. Il gioco durerà cinque giorni. Ogni giorno Annalisa riceverà istruzioni diverse. Il personaggio che interpreterà sarà quello di Marie, una serva perdutamente innamorata del suo padrone, disposta a ogni cosa per compiacerlo. Ma quando incontra il role player che interpreta il suo signore, Annalisa è sconvolta. È l’uomo che lei ha sempre visto nei suoi sogni…


RECENSIONE

Una breve novella che suscita un'esplosione di emozioni nel lettore.
Controllo.
Fiducia.
Sesso.
Sensazioni.
Piacere.
Amore.

Annalisa Verri è una donna che esercita il controllo su ogni cosa, una maniaca del controllo che stanca della sua routine quotidiana decide di rivolgersi alla Role-Playing Games, un'agenzia che permette ai giocatori di ruolo di dar spazio alle loro fantasie più recondite, di metterle in atto in ambientazioni create dalla stessa agenzia regalandosi una piacevole e sensazionale evasione dalla opprimente realtà.
Il gioco ha la durata di cinque giorni durante i quali Annalisa dovrà eseguire ogni regola stabilita dall'agenzia.
Tutto segue i piani dell'agenzia ma quando Annalisa viene catapultata in una realtà del tutto nuova, ostenta a credere ai suoi occhi: dovrà interpretare il ruolo di Marie, una serva umile che dovrà assecondare e appagare ogni desiderio del padrone Heatan.
Heatan, l'uomo con cui dovrà condividere questi giorni è proprio colui che Annalisa ha sempre desiderato e sognato: affascinante, dominatore, cupo e impenetrabile. I giorni che la aspettano con il padrone non sono come quelli che lei ha sempre atteso. Desiderio del proibito, lussuria, giochi erotici di potere e di sottomissione combinato con il dolore regaleranno ad Annalisa un'esperienza unica e speciale che ricorderà per tutta la vita.
Annalisa però non ha previsto una cosa: l'esperienza che vive in quei pochi giorni la coinvolgerà emotivamente più di quanto abbia mai potuto immaginare e separarsi da quella nuova realtà diviene molto complicato.
Scrivere questa recensione è molto difficile poiché dopo aver provato e vissuto con i protagonisti, seppur per una mezz'ora, questa esperienza nuova, mi ha lasciato l'amaro in bocca.
Il finale di questa novella predice l'arrivo prossimo di un romanzo vero e proprio che spero dia un lieto fine sensazionale ai due protagonisti.
Le descrizioni degli ambienti risultano molto accurate cosi come per il protagonista maschile; l'accento va posto alle sensazioni, al piacere fisico e alle emozioni dei personaggi.
L'unica nota negativa è la mancanza di dettagli fisici e lavorativi della protagonista femminile. Mi spiego meglio... Non vengono descritte le caratteristiche fisiche di Annalisa, né il suo lavoro. Sappiamo solo che ha la passione di dipingere. Il tutto quindi è avvolto da un alone di mistero e una dose di suspense si intercala a partire dal punto centrale della storia.
Lo stile è semplice e soave; desiderio e piacere, controllo e perdita di quest'ultimo sono il filo conduttore dell'intera storia.
Vi rivelo di essere molto curiosa nel conoscere la prosecuzione di questa novella. Giulia mi raccomando non farci aspettare troppo... Regalaci un secondo romanzo emozionante come questo.

Raffaella


Post più popolari