venerdì 14 luglio 2017

RECENSIONE "Bastardo fino in fondo" di PENELOPE WARD, VI KEELAND

Buongiorno readers, oggi Sabrina vi parla di Cocky Bastard ovvero Bastardo fino in fondo uscito ieri con Newton Compton dalle penne sensuali di Penelope Ward e Vi Keeland. Aubrey e Chance sono due fiammelle che insieme formano un incendio. Si incontrano durante il loro viaggio verso la medesima meta e separarsi sarà molto difficile...

TITOLO: Bastardo fino in fondo
TITOLO ORIGINALE: Cocky Bastard
SERIE: no serie, autoconclusivo
AUTORI: Penelope Ward, Vi Keeland
DATA D’USCITA: 13 Luglio 2017
EDITORE: Newton Compton
GENERE: rosa contemporaneo
NARRAZIONEpov maschile e femminile alternati in prima persona
AMBIENTAZIONE: California
CATEGORIA: seconde possibilità
FINALE: no cliffhanger
COPPIA: Chance, ex calciatore; Aubrey, avvocato in cerca di cambiamenti.




SINOSSI

Un australiano sexy e arrogante di nome Chance. Era davvero l’ultima persona in cui mi aspettavo di imbattermi nel mio viaggio attraverso il Paese. Quando la mia macchina si è rotta, abbiamo fatto un accordo: niente programmi, saremmo andati avanti per miglia e miglia passando notti sfrenate in motel sconosciuti senza limiti e senza una meta precisa. E così quello che doveva essere un normale viaggio si è trasformato nell’avventura della vita. Ed è stato tutto davvero incredibile finché le cose non sono diventate serie. Lo desideravo, ma Chance non si esponeva. Pensavo che mi volesse anche lui, invece qualcosa sembrava trattenerlo. Non avevo intenzione di perdere la testa per quel bastardo arrogante, soprattutto da quando avevo saputo che le nostre strade stavano per dividersi. D’altra parte si dice che tutte le cose belle prima o poi finiscono, o no? Forse è così, o forse ero io che non volevo vedere la fine della nostra storia...

RECENSIONE

Buongiorno readers, oggi voglio porvi un libro in anteprima.
Ammetto che il titolo mi ha lasciata perplessa, come quando ti trovi davanti una cosa che non riesci a catalogare come bella o brutta. Aubrey è un avvocato stanco della sua vita.
Ha una relazione con il suo capo, che ha un' altra e per questo si licenzia. Quando decide di mettersi in viaggio per Temecula, sud della California, ha la machina piena di bagagli, pronta per cambiare vita. Si mette in viaggio e in un autogrill incontra un motociclista sexy, Chance, modello ed ex calciatore. I due ragazzi si scontrano, per un piccolo diverbio a causa del presidente degli Stati Uniti. Detta così sembra molto divertente, e di fatto lo è.
L'inizio promette molto bene, Aubrey è ironica e divertente, i suoi pov mi hanno fatta innamorare di più del libro di quanto già non lo fossi. Chance si mostra irritante e super provocante, innescando in Aubrey amore e odio. Si mettono in viaggio per sfortuna o fortuna insieme.
Il libro è divertente e genuino. Una lettura molto bella.
I protagonisti hanno caratteri così esuberanti che insieme fanno una bomba ad orologeria.
Il libro è diviso in 3 pov, la prima parte di Aubrey piena di aspettative, la seconda di Chance innamorato e super pentito e la terza parte ancora della ragazza. È una lettura che entusiasma il lettore, dall'ironia della scrittura alla storia intrigante.
Sono rimasta piacevolmente colpita nonostante il titolo mi avesse lasciato un po' così.
Adoro le storie travagliate e complicate, rispecchiano la cruda realtà.
Sono piacevolmente colpita dal fatto per questo è uno dei pochi libri senza storpiature o allungamenti di brodo o altre congetture. Il sesso è presente ma non ingombrante.
Le autrici hanno tenuto una tensione sessuale con allusioni, toccatine, battute senza bisogno di ricorrere a scene di sesso in quantità industriale. Impossibile non perdersi nei dettagli dei dubbi di Aubrey o nella bastardaggine di Chance.
Non ne rimarrete deluse, è uno dei pochi libro che posso classificare come stupendi. Di quelli che hai voglia di rileggere. Non voglio svelarvi altro sulla trama, ho proprio voglia di lasciarvi quella curiosità morbosa che si ha per un libro che vuoi divorare. Non mi resta che augurarvi buona lettura e aspettare da voi il giudizio finale.

Sabrina

Nessun commento:

Posta un commento