giovedì 25 agosto 2016

RECENSIONE "Amor vincit omnia" di ANNA G.

Cari readers,
oggi vi parlo di Amor vincit omnia, romanzo d’esordio di Anna G., un contemporary romance pubblicato l'8 Marzo scorso dalla Santi Editore. Si tratta del primo volume della Trilogia che vede protagonisti l'affermato avvocato londinese Laurie e l'insicura e ostinata educatrice Emily.


TITOLO: Amor vincit omnia
AUTRICE: Anna G.
DATA D’USCITA: 8 Marzo 2016
EDITORE: Santi Editore
GENERE: contemporary romance
NARRAZIONE: pov femminile e pov maschile in prima persona
CATEGORIA: amore/odio
FINALE: si cliffhanger
COPPIA: Emily, educatrice di un asilo nido; Laurie, avvocato prestigioso.



SINOSSI

Emily e Laurie. Amor vincit omnia. Una grande storia d’amore. Perché prima di qualsiasi altra cosa, prima di essere un cumulo di pagine, prima di essere un manoscritto, questo libro è una grande storia d’amore. Un romanzo che racconta la vita di Emily, studentessa indipendente con una propria casa a Londra. Una ragazza che vive di lavoretti poco stabili, di problemi economici, e soprattutto di una grande insicurezza, la mancanza di fiducia negli uomini e in generale in ogni persona che non le accompagni un minimo di fatti alle parole.
Perché non si fida di loro? Perché la nostra Emily nasconde un segreto che le ha cambiato il passato condizionandole la vita futura. Un segreto che non la lascia vivere come dovrebbe, che restringe il suo campo vitale alla sola stretta cerchia di persone alle quali permette di entrare nella sua bolla.
E poi c’è lui, Laurie. Non il classico belloccio, non un muscoloso palestrato senza sale in zucca, ma un ragazzo divertente, a tratti imbranato, con un amore incondizionato da donare. Un ragazzo caparbio, che pur di raggiungere un obiettivo tenta il tutto per tutto. Anche lui ha i suoi scheletri nell’armadio e i suoi segreti scottanti ma metterà tutto da parte per dedicarsi ad un solo obiettivo: sciogliere il cuore più freddo che abbia mai incontrato. Il tutto è contornato da un ambiente della Londra moderna che si sposta su quartieri diversi, che cerca anche nell’atmosfera descritta una luce di speranza e di futuro. Con Emily e Laurie i giochi sembrano fatti, ma come nelle loro indole, ogni imprevisto è dietro l’angolo.

RECENSIONE


Ho affrontato questa lettura con  contentezza aspettandomi molto. E miei cari non mi sbagliavo!! Sono rimasta davvero soddisfatta. Come primo esordio di Anna G. devo dire che è stata una lettura leggera e scorrevole. Ma ora partiamo dai personaggi.



Emily è una ragazza scontrosa, a volte antipatica e brusca. Ha l'abitudine di scappare dalle situazioni che la coinvolgono troppo e dagli uomini che le interessano.
Non ha alcun interesse a relazionarsi con il genere maschile a causa di un episodio passato che l'ha distrutta psicologicamente e da allora il genere maschile è da evitare completamente.
Laurie è l'opposto di Emily: è un galantuomo, un uomo raffinato, semplice e simpatico.
Laurie fin dall'inizio si rivela interessato ad Emily, la corteggia e le fa capire di volerla più di qualunque altra donna.

Emily è una ragazza molto fragile e insicura: è rimasta scottata dall'amore, ha sofferto molto e naturalmente rifiuta qualunque approccio con il sesso maschile.
Col tempo ha creato una corazza contro il resto del mondo e non ha voluto che nessuno la abbattesse, che nessuno riuscisse ad entrare nel suo cuore perché aveva ed ha tutt'ora paura dei sentimenti che potrebbe provare.
Ha paura di amare.
E' ancorata al suo passato, è come se tutto di fosse fermato a quel maledetto giorno in cui tutto è cambiato.
Ha perso la sfiducia nell'essere umano, si è circondata di pochi amici, quelli giusti, e ha dedicato il suo tempo ai fanciulli dell'asilo nido in cui lavora.

Ma qualcosa nell'insistenza di Laurie attira l'attenzione di Emily. E' l'unico che dopo molto tempo riesce ad insidiarsi nella sua mente. E' l'unico al quale riesce a donare la sua fiducia. Viene attratta dalla sua caparbietà e dalla sua goffaggine, dalla sua gentilezza e dalle sue premure.
Emily si dimostra molte volte codarda e a volte troppo razionale, non ha il coraggio di lottare, di rischiare tutto, ha paura di mettersi in gioco, di innamorarsi e di poter soffrire. Ma cosa significa amare se non rischiare tutto per essere felici?                  
Si dimostra fragile, non vuole ammetterlo a se stessa ma ha troppo timore di ciò che potrebbe provare per Laurie.

Laurie potrebbe essere la chiave per aprire nuovamente il suo cuore? Emily sarà disposta a rischiare per lui?
Ammetto da amante della città londinese, di aver amato la descrizione accurata e genuina dei luoghi e degli ambienti.
Laurie mi è parso un uomo enigmatico pronto a rischiare tutto per Emily anche dopo quando lei lo ha rifiutato molte volte. Ed è proprio questa la caratteristica di uomo che prediligo, forte e battagliero.
Emily è un personaggio che si dimostra debole per quasi tutto il tempo, è ostinata a seguire quello che le suggerisce la mente e rare volte quello che le suggerisce il cuore. La si può definire una donna che segue la ragione e che raramente si affida al cuore.
Una lettura fluida, piacevole e a volte spassosa per i battibecchi che si rivolgono i protagonisti. I pov in prima persona di entrambi i protagonisti ci aiuta a cogliere ogni singolo particolare ed ogni singola emozione che erompe dai loro stati d'animo. Emergeranno segreti, paure, fiducia, colpi di scena ed amore incondizionato.
Due anime provenienti da mondi completamente opposti, due anime che si cercano, si incontrano e si amano. Impossibile non apprezzare questa storia dalle tinte dolci e delicate. Ovviamente essendo una trilogia, alla fine del romanzo rimarrete con fiato in sospeso.
Non dimenticate di leggere l'intervista all'autrice che troverete sotto. Au revoir chers !!


Un bacio, Raffaella.



INTERVISTA ALL'AUTRICE


1. Spiegaci in poche parole chi sei, cosa ami fare e qual è il ruolo della scrittura nella tua vita.

Ciao ragazze del blog. Grazie per questa intervista e grazie per esservi interessate al mio romanzo. O meglio alla mia duologia che presto si concluderà con un terzo capitolo finale. Nella vita di tutti i giorni sono una ragioniera in uno studio commerciale, niente a che vedere con i libri. Ho 26 anni e sono pugliese. Mi piace cantare, ascoltare musica, e soprattutto leggere. La scrittura rappresenta un ruolo fondamentale perché è la mia passione più grande, il mio rifugio sicuro. Come dice una mia amica, è il mio vero mondo.


2. Com’è nata l’idea per questo romanzo?

Un anno e mezzo fa ho vissuto una situazione particolare. Avevo bisogno di sfogarmi, di trascinarmi fuori dal nascondiglio della pressione e dello stress e di ritrovare la luce. L'unico modo che conoscevo era scrivere. Così ho ideato questa storia. Una storia forte ma che al contempo donasse speranza a chiunque la legge. Volevo una storia con personaggi veri, nei quali ognuno di noi poteva rivedersi.


3. Come hai creato i caratteri di Emily e Laurie?

Allora Emily è nata davvero in modo spontaneo. Ogni suo tratto, ogni suo atteggiamento. Chi mi conosce dice che mi somiglia, ma io non me ne sono mai resa conto mentre scrivevo. Credo fosse inconscia la sua creazione. È stato l'unico personaggio non studiato. Lei è così; schietta, con la risposta sempre pronta, dura con chi la attacca. Mentre per Laurie sono stata ispirata da un personaggio famoso che non vi svelo. Quindi lui è stato studiato perfettamente. Fuori dal set, nella sua vita privata.


4. Nel romanzo c’è qualcosa di te stessa che hai voluto inserire? Sei caratterialmente simile ad Emily?

Come ho detto nella precedente domanda c'è molto di Emily in me e c'è molto di me in lei. Ma la cosa non era assolutamente voluta. Nel romanzo ci sono scene che mi sono successe davvero nella realtà. Le scene più piccanti, chiamiamole così, sono vere. Alcuni loro incontri sono spunti di vita quotidiana vera che mi appartiene.


5. Che emozioni hai provato nel scrivere questa storia?

Sono stata un vero e proprio frullatore. C'erano capitoli che mi facevano piangere a dirotto mentre li scrivevo. Altri in cui mi innamoravo con loro. Altri nei quali tiravo fuori la rabbia e dicevo "Ehy Emily uccidi Laurie!". Rabbia, amore, sofferenza, romanticismo, passione. Tante emozioni assieme che ho vissuto con loro pagina dopo pagina.


6. Qual è stata la parte del romanzo più difficile da scrivere? Perché?

La parte più difficile da scrivere è stata quella in cui Emily racconta a Laurie il suo segreto. Perché mi sembrava di rivivere con lei il suo dolore. Ogni centimetro della sua anima stracciata. Ho pianto tanto scrivendo quella scena.


7. Ci sono scrittori disciplinati, metodici, che stilano scalette e rileggono mille volte i loro scritti; e autori che istintivamente buttano giù frasi su frasi fino a comporre un romanzo. Tu che tipo di scrittore sei?

Dipende. Dal periodo, da ciò che sto vivendo, dalla musica che ascolto e che è fortemente fonte di ispirazione. Ci sono giorni durante i quali scrivo capitoli di getto, e altri in cui non scrivo nulla. O magari sono in fila dal dentista, ascolto una canzone e butto giù dieci righi che poi metto assieme in un capitolo. Mi piace studiare per analizzare ciò che scrivo prima di scriverlo, ma mi piace soprattutto affidarmi all'istinto.


8.  Consigliaci un libro che ti è rimasto nel cuore…

La mia passione per la letteratura nasce con Orgoglio e Pregiudizio. Penso sia un classico che tutti dovrebbero avere in libreria. Se invece parliamo di romance moderni, mi è rimasta nel cuore la One Night Trilogy della Malpas e il recente Io prima di te. Penso che il libro della Moyes sia il libro dal quale tutti dovrebbero imparare qualcosa.


9. Cosa ti ha spinto a scegliere il titolo "Amor vincit omnia" per il tuo romanzo?

Amor Vincit Omnia è uno dei mantra nei quali credo di più. Credo che l'amore possa vincere su tutto. Sulla distanza, sulle difficoltà, sulle diversità. Credo che tu possa non essere ricco, essere magari malato ma se hai l'amore delle persone che ami allora questo è il tuo senso di vita. L'unica cosa che poteva salvare Emily era proprio l'amore.


10. Qual è il tuo prossimo passo?



Online c'è già il secondo volume della trilogia mentre il terzo è in fase di lavorazione e posso annunciare che a fine settembre i primi due volumi verranno ripubblicato in un unico cofanetto, comprensivo del terzo, con capitoli nuovi e qualche aggiunta, in versione self-publishing. La trilogia completa avrà una veste nuova. Mentre ho appena terminato un nuovo romanzo, autoconclusivo stavolta, che uscirà agli inizi del nuovo anno. Un'altra storia molto forte che promette di entrare nei cuori delle lettrici.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari